Mos Burger, elegia dell’hamburger alla giapponese


Anche in un paese culinariamente affascinante come il Giappone dopo una decina di giorni di permanenza lo stomaco inevitabilmente inizia reclamare cibi piu’ noti e sostanziosi. Cosi vi scoprirete vostro malgrado a guardare con occhio sempre piu’ famelico le vetrine scintillanti della moltitudine di fast food americani purtroppo onnipresenti sul suolo nipponico. Ovviamente tra i vari Domino’s Pizza, Pizza Hut, Burger King, Kentucky Fried Chicken, Dunkin’Donuts anche qui chi la fa da padrone e’ McDonald’s (il peggiore dei succitati e quello piu’ diffuso capillarmente). Per fortuna in Giappone esiste un alternativa locale di qualita’: Mos Burger!

MOS Burger e’ una catena di hamburger fast food nata negli anni 70 in Giappone che grazie all’elevata qualita’, l’originalta’ di alcuni prodotti ed ai prezzi economici (equiparabili a McDonald’s) e’ diventata la seconda del paese per numero di locali  (1337 in Giappone, 167 in Taiwan, 25 in Singapore, 14 in Honk Kong  7 in Thailandia, 4 in Indonesia, ecc.).

Il segreto di tanta popolarita’?

Innanzitutto la qualita’: MOS Burger (acronimo di Mountain Ocean Sun) non usa roba surgelata, anche le patate fritte son fresche e la differenza si sente. Mangiare da McDonald’s e’ garanzia di cagarella il giorno dopo, con Mos Burger non ci sono effetti collaterali visto che usano solo ingredienti freschi. Gli ambienti sono pulitissimi grazie alle ossessivi standard di pulizia imposti dalla casa madre.

In secondo luogo il servizio: ordinate alla cassa il vostro menu, vi danno un vassoio su cui mettono subito una bandierina con un numero e la vostra bibita in bicchiere di vetro con sottobicchiere, voi vi andate a sedere dove volete in un ambiente piacevolmente arredato con tavoli e sedie di legno e/o comode poltroncine. Nel frattempo loro iniziano a cuocervi il ripieno fresco dei panini e quando sono pronti  vi vengono portati al vostro tavolo che trovano grazie alla bandierina numerata.

Pure il sottobicchiere vi danno

L'ordinazione arriva in un cestello di vimini ed i pannini appena fatti sono solo poggiati e non avvolti nella carta in modo non si cuocciano col vapore e non diventino gommosi.

Ultimo punto: la diversificazione e l’unicita’ dei loro prodotti. Mos Burger e’ infatti un classico esempio di “washoku”: cibo straniero imitato dai giapponesi che nel processo di assimilazione da’ luogo ad una trasformazione unica che crea qualcosa di nuovo e non di rado migliore dell’originale. Oltre ai soliti panini con hamburger di manzo e pesce impannato hanno anche i “rice burger” che al posto del pane hanno il ripieno (che si rifa’  alla tradizionale cucina nipponica) messo tra due fette di riso pressato (sono un must sopratutto se non lo avete mai provato) ed i “natsumi” dove il ripieno e’ avvolto solamente in foglie di lattuga (l’ideale per stare leggeri e mantenere la forma).

il menu della filiale Thailandese che riporta i nomi anche in inglese (cliccate la foto per ingrandirla)

Avendo praticamente lo stesso prezzo dei concorrenti americani (che non capisco come non falliscano visto l’abisso qualitativo: potenza del marketing?) non vi e’ motivo per non scegliere Mos Burger. Alcuni americani fanno notare che gli hamburger di MOS sono piu’ piccoli rispetto a quelli di McDonald’s e sopratutto di Burger King, ma secondo questo loro metro di giudizio e’ meglio un chilo di merda che mezzo di chilo di filetto, Contenti loro!

Anche lo squanfido clown McDonald's sogna Mos Burger

L’unico buon motivo per frequentare McDonals’s in Giappone e’ nel caso vi trovaste a Tokyo nel quartiere glamour di Shibuya. In quel caso, il pomeriggio potete entrare nel Mc, comprarvi un cono gelato (uno dei pochi prodotti buoni, non per nulla le macchine sono italiane della Carpigiani) e poi recarvi al secondo piano che vi sembrera’ il backstage di una sfilata di moda. Infatti nel pomeriggio e’ pieno di belle ragazze che si prendono una bibita e poi trascorrono il tempo a truccarsi ai tavoli ed a ciaccolare: un autentico paradiso!

Qui il link del menu  della sezione di Singapore che e’ in inglese (http://www.mosburger.com.sg/mos_menu.php).

E voila’ alcuni dei piatti piu’ originali (occhio ai rice burger, il riso trattiene il calore molto piu’ del pane quindi dovete aspettare qualche minuto per poterlo mangiare visto che arriva bollente; e’ una vera tortura vederselo fumante e non poterlo addentare):

New Teriyaki Chicken Burger

Croquette Burger (Original/Curry Flavour)

Ebi Rice Burger (coi gamberi)

Unagi Rice Burger (anguilla ai ferri)

Kinpira Rice Burger (vegetariano)

Kakiage Rice Burger (con tempura di gamberi). IL MIGLIORE

Yakiniku Rice Burger

Natsumi Beef (solo carne ed insalata)

Natsumi Teriyaki Chicken

Tako Cutlet Rice Burger (cotoletta di polipo, YUM!)

Garlic 'n' Lemon Mussels (Cozze impannate aglio e limone)

Annunci

3 Risposte

  1. yumm :)) mi è venuta troppo fame.. sarà anche l’ora, ma quello alle anguille ai ferri mi fa proprio gola 🙂 li hai provati tutti ormai!
    Volevo farti molti complimenti per il tuo blog, è veramente bello leggerti. Cercavo un indirizzo mail ma non l’ho trovato. Mi scrivi tu? Vorrei chiederti delle cose se possibile.
    Ciao e buon Giappone intanto!

    21 ottobre 2010 alle 12:35

  2. Pingback: Viaggio in Giappone 2010: Day 22 – Matsumoto: il castello e la scuola dove si fermò a riposare l’imperatore. « I viaggi di Mr.Ankov

  3. Pingback: Viaggio in Giappone 2010: Day 21 – Matsumoto: ma che sapore ha una serata uggiosa… « I viaggi di Mr.Ankov

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...