Che autogol Apple: il nuovo Mac Mini Unibody e’ veramente troppo caro per quello che offre.


Da un paio di giorni e’ disponibile sull’ Apple store il nuovo Mac mini con chassis in alluminio, porta HDMI e nuove schede grafiche ad un prezzo che ritengo veramente spropositato: 799 euro per la versione con masterizzatore DVD, 1149 euro per la versione server. Per fare un confronto, i prezzi nello store US sono 699 dollari e 999 dollari e che quei ladri che hanno deciso il prezzo non mi dicano che l’inflazione dell’euro si fa sentire visto che ad oggi  $699 sono pari ad €570,24 e $999 ad €814,98.

Specifiche tecniche:

  • Processore Intel Core 2 Duo a 2,4GHz o 2,66GHz
  • 3MB di cache L2 su chip condivisa
  • Bus frontside a 1066MHz
  • 2GB (due SO-DIMM da 1GB) di SDRAM DDR3 a 1066MHz; due slot SO-DIMM supportano fino a 8GB (cioe’ nemmeno 4 gb di serie ti danno)

Insomma a un prezzo cosi’ non ti danno neanche i nuovi processori i-3 o i-5 ma dei vecchi Duo e neanche tanto veloci.

  • Una porta FireWire 800 (fino a 800Mbps)
  • Quattro porte USB 2.0 (fino a 480Mbps)
  • Slot SD Card (era ora)
  • Disco rigido Serial ATA da 320GB o 500GB6
  • SuperDrive con supporto doppio strato (DVD±R DL/DVD±RW/CD-RW) (e gia’ ormai non si trovano piu’ quelli vecchi che leggono i dvd senza masterizzarli)
  • Processore grafico NVIDIA GeForce 320M con 256MB di SDRAM DDR3 condivisi con la memoria principale (ma almeno una scheda video con memoria dedicata no?)
  • Mini DisplayPort con supporto per risoluzioni fino a 2560×1600
  • Uscita HDMI con supporto per risoluzioni fino a 1920×1200
  • Uscita DVI con adattatore HDMI-DVI (incluso)
  • Uscita VGA con adattatore Mini DisplayPort-VGA (in vendita separatamente)
  • Supporto per le modalità Scrivania Estesa e Duplicazione dello Schermo su entrambe le porte

Ora e’ vero che Apple ha sfornato un piccolo capolavoro di ingegnerizzazione, bellissimo il fatto che il gioiellino ha il trasformatore interno ma comunque si e’ perso di vista l’intento originale del Mini Mac: offrire un mac a prezzo contenuto per l’utente che si vuol avvicinare per la prima volta al mondo Apple.

Io personalmente ho iniziato proprio con quello e son finito per comprare anche un Macbook Air ed un iMac 27 quadcore (se volete conoscere la mia trafila da windows a mac leggete qui).

Se poi vogliamo fare i conti della serva comprare il mini + monitor + tastiera e mouse costa piu’ che comprare un ben piu’ potente e performante iMac: assurdo

Comprare il mini + Monitor + tastiera e mouse costa piu' che comprare un ben piu' potente e performante iMac: assurdo

Il nuovo Mac Mini abdica la sua missione originaria per diventare un media center da abbinare al plasma/LCD del salotto (ecco spiegata la presa HDMI) e purtroppo lo fa in maniera maldestra visto il prezzo assolutamente spropositato, la mancanza di un lettore blu-ray e l’aspetto alluminio che lo rende un pugno nell’occhio accanto a qualsiasi tv moderna (solitamente di color nero). Non nego preso di per se sia esteticamente gradevolissimo ma anche l’oggetto piu’ bello messo nel contesto sbagliato (il salotto) stona e disturba. Il mio vecchio Mac Mini bianco accanto al mio lcd da 37′ nero, – per contrasto (in un salotto bianco e nero) si inserisce in maniera molto piu’ armonica.

Avevo letto che il Mac Mini per Apple non era mai stato il successo di vendite sperato, purtroppo hanno deciso che la soluzione non era abbassarne il prezzo ma addirittura alzarlo (sopratutto per noi europei, cosa veramente odiosa). Per avere un desktop Mac da ora in poi e’ necessario spendere 1.000 euro (una volta aggiunto monito e tastiera).

Se volete un desktop prendete un iMac, se volete un media center prendetene uno windows (vi costera’ la meta’ dandovi un hardware molto piu’ performante ed il blu-ray), tanto usandolo solo per i file multimediali i reali benefici di Mac OS non si avvertono, anzi  sopratutto in fatto di codec e lettori multimediali windows e’ senz’altro una scelta migliore. Non conosco il mondo Linux ma sospetto anche quello come media center non se la cava male.

I’m not a Mac!

I’m not a PC!

Sono solo uno che usa il cervello di cui madre natura lo ha dotato.

Annunci

5 Risposte

  1. Alex

    …. hai perfettamente ragione.!!!!!!

    20 giugno 2010 alle 19:14

  2. Flavia

    “…ma comunque si e’ perso di vista l’intento originale del Mini Mac: offrire un mac a prezzo contenuto per l’utente che si vuol avvicinare per la prima volta al mondo Apple..”

    L’intento originale del Mini Mac era svendere il processore RISC! Svutare i magazzini in vista del passaggio ai processori Intel.

    Dopo che la Apple aveva annunciato che in futuro si sarebbe fornita da Intel, nessuno avrebbe comprato un mac con processore RISC al prezzo di un mac. Alla Apple non stava bene di calare il prezzo alla linea dei computer mac, per cui ne hanno fatta una economica su misura, il Mini Mac, per svendere tutti i RISC che avevano pagati milioni e che rischiavano di dventare una colossale perdita.

    Ora che non ci sono più RISC da sbolognare, il mini mac torna ad allinearsi al prezzo dei mac: bello caro.

    27 giugno 2010 alle 12:22

    • Ivan Mrankov

      Non so Flavia se il mini e’ nato con quell’intento visto comunque che non e’ un scatola assemblata a caso ma un opera di ingegnerizzazione abbastanza complessa che ha richiesto all’epoca di prendere la scheda madre dell’iBoook e’ di riprogettarla in forma quadrata (credo sia l’evoluzione del bellissimo ma carissimi Mac Cube). Il progetto di gestazione e’ stato lungo per un computer che aveva solo la funzione di sbolognare i vecchi Risc e ricordiamoci che il Mini con Intel fino a questo nuovo modello era comunque rimasto a praticamente agli stessi prezzi del primo, e’ con quest’ultimo che il costo si e’ impennato forse a causa dell’ulteriore miniaturizzazione secondo me inutile.

      30 giugno 2010 alle 11:56

  3. Ivan,

    sono completamente d’accordo con la tua analisi. Anche io sono entrato nel mondo Mac con un mini per il suo prezzo incredibilmente competitivo. E anche se non e’ una macchina particolarmente performante si comporta piu’ che bene come computer di casa per navigare, per usare iPhoto e iMovie, per giocare con Garage Band ecc.
    Sto sconsigliando pero’ ai miei amici di acquistare il nuovo mini, per due motivi:
    1. il prezzo effettivamente troppo alto (il modello base e’ passato in italia da 500 a 800 Eur, incredibile! un aumento del 60% e non mi si dica che è migliore del precedente: certo, ma il progresso tecnologico dove lo metti? e poi, come dici tu, se devo aggiungere monitor, mouse e tastiera allora mi prendo un iMac)
    2. non hanno neanche fatto la conversione 1:1 tra dollaro ed euro, anzi siamo passati da $699 a Eur 799, quindi un aumento incredibile e ingiustificato! ma che siamo matti? c’e’ da dire pero’ che vanno considerate le tasse (VAT) non incluse nel prezzo USA e dipendenti dallo stato

    Mi viene un dubbio alla fine: in UK il prezzo e’ abbastanza allineato al prezzo US, con la dovuta conversione USD/GBP, non sara’ che l’Eur e’ stato influenzato dalla famigerata tassa sullo storage? (denominata in Italia tassa Bondi?)

    Ti quoto in pieno: I’m not a Mac, I’m not a PC. Basta solo usare il cervello.

    22 luglio 2010 alle 00:37

  4. Pingback: Ennesimo autogol di Apple con il nuovo Mac Mini. « I viaggi di Mr.Ankov

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...