Due parole in più su Miyajima


Aggiungo un paio di cose che volevo dire a riguardo assieme ad un paio di foto.

In Giappone gli originali non mancano mai: sul traghetto era imbarcato anche questo sidecar stracarico con la passeggera che teneva in grembo anche un cagnolino.

Se potete destinate due giorni alla vostra visita di Hiroshima e cercate di prenotare una delle Ryokan che si trovano a Miyajima. Sono um’pò care ma un sacrificio per una notte si può fare e cosi potrete godervi l’isola di notte quando praticamente è tutto chiuso e i turisti autoctoni sono rintanati nei loro hotel: ci sarete voi, i cervi e le bellezze del luogo.

Anche se i negozi sull’isola sono chiaramente rivolti ai numerosi turisti che tutti i giorni visitano Miyajima la cosa non è sfuggita al controllo (come nella mia cara Venezia) e come ho già detto  oltre a negozi più pacchiani troviamo anche attività di artigianato tradizionale che sopravvive proprio al turismo: negozi di bacchette, ceramica, sculture in legno, stoffe.

Ho comprato qualche tovagliolo e fazzoletto coi motivi tradizionali dell'autunno

Essendo i giapponesi un popolo il cui interesse principale sembra essere rimpinzarsi ovviamente la parte del leone la fanno i souvenir commestibili: oltre ai cracker ed ai biscotti di tutti i tipi e fogge che francamente mi confondono e stordiscono a causa della loro sterminata varietà ci sono in particolar modo dei dolci stagionali che in autunno hanno forma di foglie e che 4-5 negozi locali producono facendosi concorrenza. Il ripieno è variabile e va dal classico ripieno di marmellata di fagioli (da evitare come la peste) a quello di cioccolata, crema e Dio solo sa cos’altro.

Il laboratorio dei biscotti del negozio è in vista e tutti possono osservare in ogni momento il processo di lavorazione.

Nel negozio inoltre c’erano una dozzina di posti a sedere davanti ad un minuscolo ma bellissimo giardino tradizionale completo di laghetto di carpe dove i clienti potevano gustarsi i dolci del negozio che offriva tè verde gratis a tutti.

Per fare questa foto pulita ho dovuto eliminare fisicamente due vecchietti che non la finivano più di ingozzarsi: tutto lavoro risparmiato al diabete che se li sarebbe portati via comunque da lì a poco.

L'elegante confezione dei dolcetti.

I dolci sono confezionati uno ad uno per preservarne la freschezza

Questi erano alla crema ed erano davvero niente male

Annunci

Una Risposta

  1. Pingback: Viaggio in Giappone 2010: Day 12 – Nara è sempre Nara « I viaggi di Mr.Ankov

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...